Cenni storici

Con la denominazione di Castelli Romani si indica un insieme di paesi o cittadine dei Colli Albani posti a breve distanza da Roma, nel territorio corrispondente all'antico Latium Vetus. Come ha ricostruito lo storico Giuseppe Tomassetti (1848-1911), la denominazione risale al XIV secolo quando molti abitanti di Roma, per sfuggire alle difficoltà economiche e politiche derivanti dalla Cattività avignonese, si rifugiarono nei castelli delle famiglie feudali romane dei Savelli (Albano e Castel Savello, Ariccia, Castel Gandolfo, Rocca Priora), degli Annibaldi (Molara, Monte Compatri, Rocca di Papa), degli Orsini (Marino) e dei Colonna (Monte Porzio Catone, Nemi, Genzano e Civita Lavinia).

Il territorio dei Castelli Romani e Prenestini, che si estende a circa 25 km a sud est della Capitale, è un'area caratterizzata da importanti testimonianze archeologiche e un ricco patrimonio storico, artistico e naturalistico. Qui il visitatore ha l'opportunità di ripercorrere antichi sentieri, ritrovare tradizioni mai perdute, visitare resti di città ferme nel tempo, palazzi signorili, chiese e conventi, leggere le attività dell'uomo in tutte le sue manifestazioni.
Gli istituti museali che aderiscono al Sistema Museale Territoriale Museumgrandtour sono certamente il punto di partenza imprescindibile per la riscoperta e conoscenza di questi luoghi che da sempre attraggono turisti, studiosi ed amanti del bello.

 

Scrivici...


Nominativo:
E-mail:
Oggetto:
Messaggio:

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili

Continuando nella navigazione si acconsente al loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
rrrrr